Prima di tutto: per tutte le persone che non hanno il cancro e che forniscono assistenza… perché abbiamo scanxiety – paura dello scan?

Entri in ospedale, prendi il biglietto e aspetti il tuo turno, ti registri e scendi sottoterra, senti freddo. Ti siedi in una stanza con persone che attendono la conferma di avere il cancro oppure no, se è tornato, e quanto è aggressivo questa volta.

Quindi ora siedi in una minuscola stanza. Sono tutti silenziosi ed incasinati come te, ma per qualche ragione iniziano a condividere le storie peggiori mai sentite sul cancro. Ora non c’è nessuna possibilità di sfuggire al pensiero (il pensiero che hai cercato di evitare tutta settimana, se non tutto il mese): in un imprecisato lasso di tempo ti trovi rinchiusa in un macchinario, con un armatura di plastica sul petto e sul viso, incapace di muoverti, e un rumore fragoroso che ti ricorda in continuazione cosa sta accadendo… claustrofobico?

Cosa puoi fare?

Prima dello scan:

  1. Mentre aspetti metti le cuffie e ascolta della buona musica
  2. Porta dei cruciverba da risolvere, ti terranno occupato
  3. Lavori a maglia? È ora di iniziare. Sei un uomo? Non importa, fallo lo stesso!
  4. Cerca di elencare mentalmente 5 cose che ami o per le quali sei grato
  5. Sfogati. Avrai a che fare con tecnici, nessun dottore o infermiere. Il loro obiettivo è metterti in quel macchinario il più velocemente possibile, far sì che resti immobile e mandarti fuori da lì. Ricorda loro che sei un essere umano. Io ho perfezionato il mio sguardo languido, dico loro che sono terrorizzata e al mio terzo cancro in 30 anni di vita. Chiedo di avvisarmi a metà esame (non lo fanno comunque ma hey.. ), è il mio modo di resistere al sistema e far sentire il mio lato umano.
  6. Prendi dello xanax! Ok forse questo sarebbe dovuto essere il primo punto, ma ragazzi… non funziona da solo! Vi servono comunque un sacco di pensieri positivi!
  7. Pensa alla tua oasi di felicità. Può essere un posto, un momento o una persona speciale. Per me è l’oceano, il mare, le onde. Sono quasi un’insegnate di Yoga… so che è difficile ma provateci fortemente.
  8.  Mentre siete nella macchina e pensate a tutti i posti in cui potrebbero trovarvi il cancro, vorrei che visualizzaste voi stessi prendere a calci quel pensiero e rimpiazzare il pensiero con i numeri 5 o 7, dovrete farlo 600 volte… bene, questo vi terrà occupati e ricordate: il vincitore non è nient’altro che un perdente che non si arrende mai, quindi quando fallite, riprovateci… e poi riprovateci ancora.
  9.  Mentre sei nella macchina pensa a qualcosa che conosci dal cuore: un mantra, una preghiera, una canzone, e ripetila. Perdi te stesso.
  10. Una volta fuori spero tu viva in una nazione dove l’erba è legale… Netflix, pizza e vino potrebbero essere il trucco vincente! Rilassati e prova a dimenticare ciò che hai appena fatto.

Spero abbiate capito il percorso, è davvero dura ragazzi!

Fottutamente dura.

Tuttavia credo che possiate scegliere, scegliere di essere molto più tenaci di tutto questo schifo.

E’ l’unica via e dovete farlo per voi stessi. Piangere non aiuterà, un crollo mentale non vi aiuterà, e neppure lamentarvi l’intera giornata.

Lottare con più forza vi farà attraversare questo momento.

Non voglio promettervi una guarigione, ciò dipende da una combinazione du cure e fortuna, ma vivrete la miglior vita possibile nelle circostanze più avverse… e questa è la vittoria/vendetta più importante!

Non vedo l’ora di ricevere i vostri consigli sull’affrontare l’ansia da scan!

Amore e luce

Lisa

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *