Arrivo a fare un recap di quest’anno un po’ in ritardo, mi perdonerete… ultimamente sono stata in ritardo su tutto, nel rispondere agli auguri, nel fare regali, sono stata in ritardo persino con i pensieri.

Quest’anno conferma una verità universale della quale sono convinta da parecchio tempo, una realtà amara, ma tutto sommato estremamente onesta: nella vita non ottieni niente per niente.

Non vuole essere una di quelle frasi incazzate da adolescenti tardivi, è una semplice regola alla quale in un modo o nell’altro ci pieghiamo tutti.

Io quest’anno ho conosciuto l’amore della mia vita nel modo più romantico che potessi sognare.

Come tutti i disillusi sognavo l’Amore da favola senza osare dirlo ad alta voce ed è arrivato.

L’ho chiamato, l’ho pensato, l’ho cercato senza saperlo in ogni parola che scrivevo e lui è arrivato. A distanza di mesi mi rendo conto di come ho buttato alle ortiche tutto quello che credevo di sapere sull’amore, perché non c’è più da pensare come prima, adesso basta essere. Anzi, adesso è.

Poi è arrivato il matrimonio dei sogni in maniera spontanea, una vacanza da sogno per noi che si è trasformata da sola nel matrimonio che non sapevo nemmeno di sognare.

Solo con gli amici veri, solo con chi era felice ed emozionato di essere lì, con chi sapeva quanto mi è costata la vita, quanto l’ho pagata con una moneta che vale più di qualunque dollaro euro o diamante. Volevo vicino chi conosce il valore dei momenti al di là del valore degli oggetti.

Il 2018 è finito per me con un grande silenzio. Il più grande silenzio che mi si sia fatto dentro. Una ennesima battaglia che sono felice di poter dire vinta. Verranno altre macchie, verranno altre lotte non mi faccio troppe illusioni, anche se io ci metto tutta l’energia di cui sono capace.

Ma ciò che mi ha costretto a fare la radioterapia alla teca cranica almeno se ne è andato, come dicevo nella vita non si ha nulla per nulla. Ho iniziato ad elencare tutto quello che ho dato, ma ho cancellato, sarebbe solo inutile pornografia del mio dolore.

Adesso voglio prendere tutto questo silenzio accumulato e dalla bellissima California trasformarlo  in parole,  le parole in tutto quello che non sono riuscita a sognare in questi mesi.

Lisa

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *